Menu opener

Cosa vedere a Torino in tre giorni: i migliori itinerari

Torino può essere visitata in pochi giorni. Le tante attrazioni che la città sabauda può offrire ai turisti, infatti, sono per la maggior parte concentrate in un'area ristretta, semplice da visitare. Il B&B Hotel ti suggerisce il modo migliore per trascorrere un piacevole weekend a Torino, con consigli su cosa vedere a Torino in tre giorni.

Cosa visitare a Torino in 3 giorni?

L’area urbana torinese, con i suoi palazzi, i musei, le vie riparate da portici, le ampie piazze e i locali storici dove fermarsi a bere qualcosa, invita a passeggiare e rilassarsi. Qui è possibile tuffarsi nella storia e nell'arte della prima capitale italiana e nello stesso tempo godersi una città elegante con scorci mozzafiato da cui scattare tante foto ricordo. 

Primo giorno: i principali edifici cittadini

  • Piazza Castello: cuore della città di Torino, vi si trovano i maestosi Palazzo Madama e Palazzo Reale, patrimonio Unesco, con i loro bellissimi giardini. La piazza ospita anche tre importanti monumenti: l’Alfiere dell’Esercito Sardo, il Cavaliere d’Italia e un’opera dedicata a Emanuele Filiberto. Nelle vicinanze, si trovano la particolare Real Chiesa di San Lorenzo e il Duomo cittadino con la Cappella della Sacra Sindone.
  • Mole Antonelliana: simbolo della città, di cui è l’edificio più alto, ospita il Museo nazionale del Cinema, spesso sede di interessanti mostre temporanee a tema. L'ascensore panoramico conduce sulla terrazza di questo importante monumento della città sabauda per ammirare la città dall'alto. Lo sguardo, infatti, spazia dalla Collina di Superga fino al Monte dei Cappuccini con la Chiesa della Gran Madre e, via via, fino alle Alpi. 

Secondo giorno: musei, natura e divertimento

  • Museo egizio: secondo per importanza dopo quello del Cairo, accoglie circa 30.000 pezzi comprendenti statue, papiri e tombe.
  • Museo del Risorgimento: è il più importante in Italia, ed è situato all’interno di Palazzo Carignano, che fu sede del primo Parlamento italiano dopo il 1861.
  • Parco del Valentino: è il polmone verde della città e, oltre alla flora e alla fauna, ospita la ricostruzione di un Borgo medievale, numerose statue e fontane e un Castello con due facciate di stili differenti, una barocca e una di cotto.
  • Murazzi: sono gli approdi lungo la sponda ovest del Po, vicini al centro storico. Zona privilegiata della movida torinese, sono perfetti per trascorrere la serata. La vicina Piazza Vittorio Veneto è il luogo più utilizzato per eventi e concerti in virtù della sua ampiezza.

Terzo giorno: cultura e ricordi

  • Basilica di Superga: costruita sul colle a est di Torino su progetto di Juvarra, custodisce le tombe dei Savoia. La tragedia del 1949, con lo schianto dell’aereo su cui viaggiava il “Grande Torino”, è ricordata da una lapide nella parte posteriore del complesso. La Basilica è raggiungibile con la storica tramvia a cremagliera.
  • Passeggiata alla scoperta dei borghi: infine, consigliamo di passeggiare senza una meta precisa alla scoperta dei borghi nascosti e degli scorci particolari di quest’antica città. La domenica, merita una visita il mercato delle pulci Balon, nel quartiere Borgo Dora, mentre per un'immersione nel verde basta recarsi in uno degli innumerevoli parchi di Torino (una delle città più verdi del Piemonte e d'Italia). Lo shopping, invece, può essere fatto nei negozi del centro storico o nella galleria commerciale presso la stazione di Porta Nuova.

Cosa mangiare e dove alloggiare a Torino?

I piatti della tipica cucina piemontese sono tanti: bagna cauda, agnolotti, zuppe, caponet, brasati e bolliti in un tripudio di sapori. Inoltre, non possono mancare il bicerin (bevanda a base di caffè, cioccolato e crema di latte), il bonet (una specie di budino) e, naturalmente, i gianduiotti.

Per trascorrere qualche notte in città, il nostro hotel a Torino è la soluzione ideale, grazie alla sua posizione comodissima per raggiungere il centro, i ristoranti tipici, i musei e i monumenti di Torino e per goderti il meritato riposo al rientro in camera.