Menu opener

Cosa vedere a Torino in tre giorni: i migliori itinerari

Torino può essere visitata in pochi giorni. Il B&B Hotel ti suggerisce il modo migliore per trascorrere un piacevole weekend a Torino, con consigli su cosa vedere a Torino in tre giorni.

Quali sono i monumenti da vedere a Torino?

L’area urbana torinese, con i suoi palazzi, i musei, le vie porticate, le ampie piazze e i locali storici dove fermarsi a bere qualcosa invita a passeggiare e rilassarsi ma, nello stesso tempo, a tuffarsi nella storia. 

Primo giorno: i principali edifici cittadini

  • Piazza Castello: cuore della città di Torino, vi si trovano i maestosi Palazzo Madama e Palazzo Reale, patrimonio Unesco. La piazza ospita anche tre importanti monumenti: l’ Alfiere dell’esercito sardo, il Cavaliere d’Italia e un’opera dedicata a Emanuele Filiberto. Nelle vicinanze, si trova la Cappella della Sacra Sindone.
  • Mole Antonelliana: simbolo della città, di cui è l’edificio più alto, ospita il Museo nazionale del Cinema; da qui, un ascensore conduce sulla terrazza panoramica per ammirare la città dall’alto. 

Secondo giorno: musei, natura e divertimento

  • Museo egizio: secondo per importanza dopo quello del Cairo, accoglie circa 30.000 pezzi comprendenti statue, papiri e tombe.
  • Museo del Risorgimento: è il più importante in Italia, ed è situato all’interno di Palazzo Carignano, che fu sede del primo Parlamento italiano dopo il 1861.
  • Parco del Valentino: è il polmone verde della città e, oltre alla flora e alla fauna, ospita la ricostruzione di un Borgo medievale, numerose statue e fontane.
  • Murazzi: sono gli approdi lungo la sponda ovest del Po, vicini al centro storico. Zona privilegiata della movida torinese, sono perfetti per trascorrere la serata.

Terzo giorno: cultura e ricordi

  • Basilica di Superga: costruita sul colle a est di Torino su progetto di Juvarra, custodisce le tombe dei Savoia. La tragedia del 1949, con lo schianto dell’aereo su cui viaggiava il “Grande Torino”, è ricordata da una lapide nella parte posteriore del complesso. La Basilica è raggiungibile con la storica tramvia a cremagliera.
  • Passeggiata alla scoperta dei borghi: infine, consigliamo di passeggiare senza una meta precisa alla scoperta dei borghi nascosti e degli scorci particolari di quest’antica città.

Cosa mangiare e dove alloggiare a Torino?

I piatti della tipica cucina piemontese sono tanti: bagna cauda, agnolotti, zuppe, caponet, brasati e bolliti in un tripudio di sapori. Inoltre, non possono mancare il bicerin (bevanda a base di caffè, cioccolato e crema di latte), il bonet (una specie di budino) e, naturalmente, i gianduiotti.

Per trascorrere qualche notte in città, il nostro hotel a Torino è la soluzione ideale, grazie alla sua posizione comodissima per raggiungere il centro.